Menu
Home > Chat incontri > Sesso virtuale, è boom: perché il 90% degli italiani lo prova e come si fa

Sesso virtuale, è boom: perché il 90% degli italiani lo prova e come si fa

Quale migliore posto per fare sesso virtuale delle chat porno?

Forse non lo sai, ma il sexting – si chiama così, il sesso online – è un fenomeno diffusissimo. Secondo una ricerca degli ultimi anni, oltre il 90% degli italiani si scambia foto hot e messaggi sexy.

Chiaramente, parliamo di persone abbastanza giovani. Pensa che il 62% degli uomini tra i 20 e i 26 anni ha inviato almeno un sext e, per le donne nella stessa fascia d’età, la percentuale è del 56%.

Questo vuol dire che su una chat hard troverai uomini e donne che cercano un partner online per le loro fantasie erotiche. Il cybersex, insomma, diventa un campo di prova, dove ci si lascia andare maggiormente rispetto alla vita reale.

Ma entriamo maggiormente nello specifico…

Sexting, parola a chi lo fa: perché in tanti lo provano?

Partiamo dalle basi: la parola “sexting” è l’unione delle due parole inglesi “sex”, sesso, e “texting”, inteso come l’invio di messaggi.

Certo, il sesso virtuale è molto diffuso tra persone che hanno una relazione, magari a distanza. È un ottimo modo per mantenere viva la fiamma della passione. Eppure in tanti sostengono che farlo con persone sconosciute sia molto eccitante.

La domanda viene abbastanza spontanea:

perché si preferisce il cybersex?

Come avrai capito dei numeri, è davvero diffusissimo: il merito è sicuramente della tecnologia, ma non solo. Contrariamente a quello che pensa la gente, non è qualcosa da “pervertiti”. I motivi vanno ricercati sopratutto nella nostra testa:

1. È il regno dell’immaginazione

Questo vale sia per i single che per chi è fidanzato oppure sposato. Secondo qualcuno il sexting è una forma soft di tradimento online, ma non interessa solo chi ha una relazione poco soddisfacente. Vale lo stesso discorso degli incontri extraconiugali:

spesso chi tradisce lo fa per una serie di motivi che prescindono dalla felicità con il partner.

In questo caso, per esempio, il sesso virtuale rappresenta una fuga dall’abitudine e da quelle crisi dovute al poco desiderio che ogni coppia vive.

Insomma, è uno strumento fenomenale per accendere la fiamma della fantasia, che permette anche di esplorare territori sconosciuto.

2. Sembra un “gioco”

Questa leva potrebbe valere maggiormente per chi è impegnato. Come abbiamo detto, il sesso virtuale può essere considerato una sorta di tradimento.

Eppure il fatto che tutto rimanga online, senza contatto fisico, lo fa sembrare “poco impegnativo”.

Lo schermo diventa una protezione. Sarà un po’ perché tendiamo a considerare internet un mondo a parte oppure perché lo associamo, in un certo senso, al mondo ludico.

Nonostante questo, tieni sempre alta l’attenzione quando invii foto o video hot a qualcuno che non conosci. La prudenza è il miglior metodo per prevenire problemi.

(Tra poco ne parleremo più dettagliatamente)

3. È più facile vincere i taboo

Continuando la metafora del “gioco”, potremmo dire che il cybersex è un gioco di ruolo. Ciascuno può decidere quale ruolo recitare e andare oltre quello che si farebbe nella vita vera.

Poter esplorare mondi estranei al nostro – e, ancora, vincere l’abitudine – è un motivo forte che ci spinge a chattare con uno sconosciuto.

I pregiudizi, che magari ci sforziamo di rispettare, svaniscono davanti allo schermo. Spesso, secondo chi fa sesso online, dietro la webcam si riesce a esprimere davvero liberamente la propria sessualità.

Sesso virtuale, i 5 consigli degli esperti per farlo alla grande e in sicurezza

Ok, ma come fare a scoprire un nuovo lato della tua personalità e lasciar cadere tutti gli schemi mentali che hai costruito?

Bella domanda: il sesso virtuale è una pratica delicata, per tanti motivi. In primo luogo, devi tenere conto di una cosa: la sicurezza viene prima di tutto. Ecco perché abbiamo raccolto per te le dritte degli esperti di sexting:

1. Impara a capire se puoi fidarti

Vuoi sapere perché è fondamentale?

Il 17% di chi fa sexting condivide le foto o i video che riceve. Il 55% di questi, inoltre, lo fa con due o più persone. Fidati, non è una percentuale da trascurare: la velocità del web potrebbe far diffondere un contenuto prima che tu te ne accorga.

Ci sono tanti esempi che lo dimostrano. Lasciati andare solo con chi ti ispira fiducia. Questa è la prima regola, quella che devi rispettare a ogni costo.

Ci sono tanti segnali a cui puoi fare attenzione: se ti chiede spesso foto, per esempio, potresti iniziare a farti due domande.

Attenzione: questo vale sia per gli uomini che per le donne. L’errore più comune è pensare che solo le donne siano esposte a questo rischio, ma non è assolutamente così. In sintesi: occhi aperti, sempre.

2. Devi saper dire di no

Questo consiglio è strettamente legato al primo. Se decidi consapevolmente di fare sesso virtuale con qualcuno, ciò non vuol dire che tu debba assecondare ogni richiesta.

Fai solo ciò che ti piace. Il partner la prende male? Nonostante il vostro non sia un rapporto vero e proprio, questo non vuol dire che debba venire a mancare il rispetto.

Mettilo subito in chiaro. Magari, prima di andare fino in fondo, potresti fare quattro chiacchiere con chi c’è dall’altra parte dello schermo.

Non aver paura di fare delle domande un po’ scomode. Ne va della tua sicurezza e della tua tranquillità. Cerca di capire quali siano le sue intenzioni e fai subito presenti le tue.

3. Non abusare di video e foto

“Ma come? Senza video e foto come si fa sexting?”. L’hai pensato, vero? In effetti hai ragione, perché la parte visiva è davvero importante. Ma deve far parte di un rapporto ben costruito. Lo abbiamo detto, la componente psicologica è fondamentale.

Pensa di trascinare il partner in un percorso. Deve essere abbastanza lungo, ma non troppo. Deve essere graduale e avvicinarsi, a piccoli passi, verso il punto che decidi. Più si è bravi nel farlo, maggiore sarà il piacere.

La tua strategia, insomma, deve essere abbastanza composita e non limitarsi a foto e video a ripetizione. Se pensavi di iniziare la discussione inviando qualcosa, toglitelo dalla testa. Sedurre qualcuno va oltre questo. Il primo strumento che devi usare sono le parole.

4. Scegli le parole giuste

Ecco, qualcuno ingenuamente lo sottovaluta: ma il potere delle parole è incredibile. I messaggi erotici sono il sale delle chat hard e aiutano a gestire la “temperatura” della conversazione.

Inizia con delle allusioni. Un doppio senso può essere utile per infiammare la situazione. In questo modo, inoltre, puoi anche capire quando è il momento di affondare il colpo oppure su cosa insistere.

Dopo questa prima fase, infatti, dovrai iniziare a descrivere:

Entra nei particolari. Racconta cosa stai facendo, cosa vorresti fare con il partner: aiuta a lavorare la sua fantasia. Vuoi un segreto? Fai riferimenti a cose concrete: sarà più facile immaginarle.

Quale parole usare? Questo è il dilemma che hanno in tanti. Purtroppo non esistono regole generali: c’è chi preferisce un linguaggio più scurrile, chi, invece, vuole mantenere dei toni più bassi. Il miglior modo per capirlo è provare, chiedere e fare attenzione.

5. Fallo solo con chi vuole (e può)

Ti abbiamo spiegato come evitare di infilarti in situazioni pericolose e come vivere al massimo quest’esperienza. Tuttavia, come ultima cosa, vogliamo chiederti un favore:

non essere insistente con chi dice di no.

Davvero, è qualcosa che aiuta a creare un ambiente migliore per tutti. Il 12% delle ragazzine adolescenti che hanno fatto sexting hanno detto di essersi sentite costrette farlo.

Ovviamente, come ti abbiamo detto, devi saper rifiutare. Ma, soprattutto quando si è più piccoli, questo potrebbe risultare più difficile. Anche senza volerlo si rischia di mettersi in brutte situazioni.

In definitiva, fai sesso virtuale solo con persone che siano maggiorenni e consenzientiE ricordati sempre che non deve diventare un’ossessione.

NON HAI TROVATO QUELLO CHE CERCAVI?

Trova il tuo Partner in 5 clic
Trova Partner »

NON HAI TROVATO QUELLO CHE CERCAVI?

Trova il tuo Partner in 5 clic
Trova il tuo partner in 5 clickInizia la Ricerca
+