Menu
Home > Guide > 4 trucchi per far funzionare una relazione di cuckolding
trucchi per far funzionare il cuckolding

4 trucchi per far funzionare una relazione di cuckolding

Il cuckolding è una pratica sessuale da sempre presente tra le fantasie erotiche di una coppia;
praticata fin da tempi immemori, deve il suo nome al cuculo, un uccello la cui femmina depone le uova nei nidi di altri volatili.

Consiste nell’indurre il proprio partner ad avere contatti di natura carnale con un estraneo, traendo in ciò un godimento di natura sessuale.

Questi approcci possono essere di vario genere e intensità: si può andare dal semplice esibizionismo al far masturbare il partner, dal far praticare sesso orale con altre persone fino ad arrivare veri e propri amplessi, con uno o più estranei che hanno rapporti sessuali con il proprio partner.

In tutto questo la persona che non partecipa può essere presente, semplicemente guardando o toccandosi, oppure può essere in un’altra stanza, assaporando solamente il fatto di sapere il proprio compagno o la propria compagna intenti a dare e ricevere piacere.

Il cuckolding è conosciuto e apprezzato sia nel mondo eterosessuale, con l’uomo che è più frequentemente spettatore, che in quello omosessuale e può essere praticato con sconosciuti ma anche con amici fidati.

Con l’avvento di internet questa pratica, chiamata in gergo tecnico triolagnia, ha trovato terreno fertile: quasi immediatamente sono sorte, infatti, diverse comunità virtuali nelle quali condividere esperienze e cercare possibili ‘bull‘, termine che sta ad indicare la persona che avrà rapporti con il partner.

Anche in Italia il cuckolding si è sempre praticato e negli ultimi anni sta conoscendo una notevole diffusione: contrariamente a quanto si possa pensare del maschio italiano, dal carattere geloso e possessivo, moltissimi connazionali provano piacere nel vedere la propria compagna in balia di uno o più bull.

Nonostante il suo successo, questa pratica non va presa alla leggera, non essendo esente da rischi di vario genere, da quelli di salute a quelli legati agli equilibri di coppia e ai sentimenti: se hai sempre desiderato provare questa esperienza e vuoi proporla al partner, ci sono alcuni accorgimenti e precauzioni da prendere per fare funzionare un cuckold senza compromettere la tua relazione.

Lo voglio davvero?

Pensateci bene: prima di imbarcarti in questa avventura erotica bisogna essere estremamente consapevoli di ciò che stai facendo, valutando se la tua relazione sia o meno abbastanza forte per sostenere un’esperienza del genere, se il partner è pienamente convinto e entusiasta della tua proposta e se sei sicuro che non ci saranno ripercussioni di carattere sentimentale e affettivo: inevitabilmente, il tuo rapporto con lei o lui cambierà, sei disposto ad accettarlo?

La scelta del ‘terzo incomodo’

La chiave per fare funzionare una relazione di cuckolding è la scelta del, o dei, bull.

Parti dal presupposto che solitamente è il partner maschile che guarda, mentre quello femminile ha rapporti sessuali con uno o più uomini; in questo gioco, però, tutti i ruoli sono interscambiabili, nel segno della più totale libertà, per cui le possibilità sono molte.

Selezionare chi dovrà fare sesso con la tua dolce metà è un’impresa ardua: c’è chi preferisce uno sconosciuto, chi un professionista, pagato per l’occasione, chi un amico con questa passione in comune; c’è chi sceglie un bull maschio, chi una donna, chi una persona sola e chi due o tre.

L’importante, in questa fase, è scegliere una persona affidabile, che sappia mettere entrambi a proprio agio e che ci sappia fare; in ogni caso, il requisito di igiene e pulizia è fondamentale, così come è essenziale l’uso di una protezione contro le malattie sessualmente trasmissibili.

Stabilire le regole

La trasparenza tra tutti gli attori di questo gioco erotico è un altro elemento base per far funzionare pienamente questa esperienza: durante un cuckold si può fare di tutto, a patto che vengano stabiliti limiti, regole e che tutti si divertano, senza forzare le proprie inibizioni.

Stabilisci con il partner e con il bull cosa possono e non possono fare, cosa ti darebbe fastidio facessero, come baci, sesso anale, BDSM o altro, cosa puoi fare tu senza che loro si sentano a disagio e il ‘tono’ da dare alla relazione, che può essere freddo, quasi ‘professionale’, o amichevole e tranquillo.

Esprimi chiaramente cosa vorresti facessero e, se a un certo punto vuoi partecipare, nulla ti vieta di farlo, sempre se le altre parti in causa sono d’accordo.

Separare sesso e amore.

Infine, è fondamentale scindere nettamente il cuckolding dalla vita di coppia.
Se vuoi abbandonarti a questa esperienza è necessario mettere dei paletti anche nella vita di tutti i giorni, separando il sesso che il partner ha con gli altri da quello che fa con te: il fatto che tu pratichi cuckolding non significa che ogni rapporto sessuale d’ora in avanti si svolga con un terzo protagonista, è consigliabile che la triolagnia sia un piacevole diversivo, non la norma.

Per evitare possibili coinvolgimenti di natura sentimentale, è bene non avere un solo bull fisso, ma cambiare spesso il terzo partecipante, evitando di creare troppa intimità, che potrebbe rivelarsi pericolosa per la vita amorosa di coppia.

NON HAI TROVATO QUELLO CHE CERCAVI?

Trova il tuo Partner in 5 clic
Trova Partner »

NON HAI TROVATO QUELLO CHE CERCAVI?

Trova il tuo Partner in 5 clic